Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti da

comp_sanpaolo

Ordine Internazionale degli Anysetiers

Fondazione CRT


e godono del patrocinio di

Consiglio Regionale del Piemonte

citta-torino


uff-scolastico


Prospettive a rovescio: il tennis come diritto

“Da una lunga amicizia nasce un progetto inedito nel panorama del tennis italiano”

Storicamente il tennis è sempre stato uno sport elitario, per quanto negli anni abbia in parte colmato il gap con gli sport ritenuti più popolari. Rimane in ogni caso un’attività costosa, accessibile solo a un numero limitato di famiglie. Il nostro obiettivo è aprire le porte del tennis a  tutti coloro che vogliano praticarlo, poiché crediamo fermamente che coltivare una passione sia un diritto, senza distinzione di “razza, lingua, religione, condizioni sociali”, un po’ come recita il più noto articolo della nostra Costituzione. L’idea è, quindi, quella di garantire un percorso pluriennale di formazione a bambine e bambini con attitudine e forte motivazione, che non avrebbero altrimenti le possibilità economiche e l’opportunità di giocare in modo continuativo. In questo modo sarà anche possibile creare i presupposti per allargare il bacino d’utenza e alzare la qualità della Scuola Tennis, nella convinzione che solo ampliando i propri confini – sociali, economici, a volte anche solo “mentali” – si possa contribuire al progresso di un intero movimento. Continua a leggere

Identità e incontro

Giovedì 16 giugno alle ore 11.00 nella Sala delle Colonne del Palazzo Civico di Torino, si terrà la Conferenza Stampa di presentazione di ‘Identità e Incontro’, iniziativa promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e finanziata, nell’ambito del progetto MU.S.A. – Musica Sport e Accoglienza, con il Fondo Europeo per l’integrazione dei cittadini di paesi terzi. Il progetto di comunicazione e sensibilizzazione sul tema dell’integrazione sociale degli immigrati si inserisce nelle attività previste dal Piano per l’Integrazione nella Sicurezza “Identità e Incontro”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 10 giugno 2010.

Partner dell’iniziativa il CONI e dieci città italiane tra cui Torino.

Continua a leggere

Villaggio Mundial

Da non perdere: dal 14 al 16 luglio 2010, nell’ambito delle iniziative del Balon Mundial, tre giorni di teatro, danza, musica e folklore a cura dell’Officina Koiné e di Aics presso il Villaggio Mundial, in via Massari 116 a Torino. 

villaggio_mundial_web

Click: supplemento alla rubrica n°13

Il mondo che ci circonda…

Da ormai una settimana sono partiti i campionati mondiali di calcio. Un evento per molti, un appuntamento irrinunciabile per alcuni. Colpisce come al di là delle formazioni e delle musiche che accompagnano le partite (dovrebbero essere inni nazionali, ma da tempo tali note hanno perso il loro significato simbolico) poco altro venga veicolato. Sarà perché le scuole sono finite, perché rimangono solo gli esami… ma della storia di quel paese, delle forti contraddizioni che continuano ad attraversarlo, poco sappiamo. Il calcio annulla la realtà o almeno ci prova. Cordoni di agenti e poliziotti fanno da barriera fisica e visiva fra il mondo dorato del calcio e quello reale di uomini e donne, che vivono una quotidianità altra.
Continua a leggere

Click: rubrica settimanale per riflettere n°8

Educazione e scuola

Salone internazionale del Libro, ampio spazio al mondo della scuola e dell’educazione
Dal 13 al 17 maggio torna l’appuntamento con il Salone del Libro di Torino, quest’anno dal titolo “La memoria, svelata”. Il Salone dà come sempre grande rilievo agli editori, agli operatori e alle tematiche dell’educazione, anche con le iniziative dedicate dello spazio “Scuola e ragazzi”.
Vai all’elenco degli espositori .

Continua a leggere

Balon Mundial: mostra fotografica

Venerdì 23 Aprile alle ore 18 presso l’Ufficio Immigrazione di corso Verona 4 a Torino si inaugurerà la mostra “Balon Mundial: tanti mo(n)di di dire calcio” di Renata Busettini e Max Ferrero.

La mostra attraverso una composizione di 39 fotografie racconta lo speciale “mondiale” che si è giocato a Torino tra giugno e luglio dello scorso anno al quale hanno partecipato 28 comunità di migranti che risiedono in Piemonte per un totale di quasi 600 giocatori. Un torneo che si propone di avvicinare e far dialogare tra loro le diverse comunità attraverso lo sport. Un dialogo fatto di allenamenti, di mani sul cuore mentre ognuno ascolta il proprio inno, di bandiere che sventolano, di tifosi che ballano al ritmo degli jambè, di colori, di lingue diverse, di italiano parlato con accenti diversi, di gol, rigori, tempi supplementari.

Continua a leggere