Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Bella Presenza

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti da

comp_sanpaolo

Ordine Internazionale degli Anysetiers

Fondazione CRT


e godono del patrocinio di

Consiglio Regionale del Piemonte

citta-torino


uff-scolastico


Al via un nuovo anno scolastico

Articolo di Paola Giani

Per molti istituti superiori l’anno si apre con esami di riparazione, idoneità, validazione di anni all’estero.

Poi inizierà la programmazione, l’accoglienza dei nuovi iscritti, tanti incontri per organizzare di poter lavorare insieme in modo proficuo per il successo formativo degli studenti.

Uno dei punti chiave del miglioramento della nostra scuola sta nella sua possibilità di stringere un patto con il mondo che cambia e guardare al futuro per costruirlo come parte attiva e imprescindibile.

Continua a leggere

Intervista a Paola Giani

Intervista a Paola Giani, presidente dell’Associazione Culturale Il Nostro Pianeta e insegnante di Scuola Superiore.

Cosa sta accadendo nella scuola in questi giorni?

Ciò che stagionalmente accade ogni anno: i ragazzi dell’ultimo anno svolgono gli ultimi ripassi e terminano di scrivere le loro tesine con cui introdurranno l’orale dell’esame di stato, i docenti terminano di scrutinare le classi e si preparano lunedì a insediare le commissioni per gli esami di stato. Gli altri studenti, da chi ha terminato la prima superiore a chi ha terminato la quinta attendono i risultati del loro anni di scuola: ci sarà chi sarà ammesso all’anno successivo e che dovrà ripassare qualche materia per poi superare un esame a settembre ed essere ammesso alla classe successiva, oppure non essere ammesso nonostante i tre mesi di sospensione del giudizio come tempo opportuno per il ripasso e il recupero. Poi ci sono i “non ammessi”, ragazzi per lo più concentrati nel primo biennio - che per molti di loro si configura anche come completamento dell’obbligo scolastico - per i quali la non ammissione o la sospensione del giudizio è spesso occasione di una riflessione e di un ripensamento sulle scelte operate al termine della terza media. Genitori e ragazzi si ritrovano davanti alle difficoltà, alla scoperta di uno scarso interesse per certi ambiti del sapere e allora si tratta di riprendere coraggiosamente in mano il proprio essere studente, ripensare, riaffrontare la scelta. Ripetere, cambiare indirizzo, per taluni abbandonare il cammino dell’istruzione, passare alla formazione professionale, o abbandonare completamente. E’ un tempo delicato a cui occorre prestare grande attenzione: è a  giugno che si conclude un percorso educativo che accompagna la consapevolezza di se’ e mette in relazione costruttiva insegnanti e studenti con i genitori.

C’è molto fermento in questi ultimi mesi intorno alla scuola in nome di un contrasto espresso in modo ampio attraverso manifestazioni e scioperi intorno al documento sulla buona scuola che il governo Renzi ha proposto. Cosa ne pensi?

Mi riconosco in quanto scriveva giorni fa su La Stampa Marco Rossi Doria che è stato sottosegretario all’istruzione e che soprattutto nasce vocazionalmente al mondo della scuola come Maestro di Strada, attento quindi soprattutto all’inclusione nel percorso formativo dei ragazzi che fanno più difficoltà.

Continua a leggere

La formazione nella scuola

Il Nostro Pianeta si è sempre occupato di formazione docenti (il manuale on line sul nostro sito testimonia un lavoro di formazione per l’inserimento degli allievi non madrelingua italiana che ormai data di qualche anno!). Ora stiamo riflettendo - nel quadro di una scuola che sta cambiando - come si possa evitare la parcellizzazione della formazione e quindi delle competenze degli insegnanti. Non riteniamo infatti che basti avere figure standardizzate di riferimento per tematiche specifiche, ma che si debba fare il punto scuola per scuola, o reti di scuole per reti di scuole sui bisogni educativi e che su questo scuola ed extrascuola possano collaborare.

Offriamo alcuni passaggi che condividiamo di una riflessione di Cesare Moreno, presidente dei Maestri di Strada, che è comparsa integralmente sulla rivista on line di Giunti scuola.

“Una “buona scuola” dovrebbe favorire l’impegno dei docenti nella cooperazione e da qui rilevare i bisogni formativi e di crescita professionale.

Per crescere un uomo ci vuole un’intera società

La buona scuola è quella che mette al centro la crescita dei giovani che la frequentano e che ha cura, attenta ed amorevole, degli adulti che si impegnano nella missione educativa.

Se non si riparte dalla missione della scuola niente funziona. La missione della scuola non è trasmettere conoscenze già codificate o metodi di pensiero: è la crescita personale che significa presa di possesso di tutte le facoltà umane. Le discipline ed i metodi di pensiero sono strumenti importanti ma non esclusivi per la crescita personale. È ormai evidente che nella scuola per molti motivi i giovani cercano anche una occasione per lo sviluppo di relazioni umane, sociali, cooperative che non si sviluppano più altrove. Si apprendono volentieri solo le cose significative per sé e, solo dopo aver raggiunto il proprio sviluppo personale, conoscenze e competenze possono essere spese nella società. La scuola è innanzi tutto per sé.

Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero, per crescere un uomo ci vuole un’intera società. Per far crescere le persone ciascun insegnante oltre alla conoscenza dei contenuti e dei metodi deve avere competenza nella gestione delle relazioni individuali e di gruppo in relazione ai giovani, in relazione ai colleghi, in relazione ai genitori, in relazione alla complessa macchina organizzativa della scuola [...]

[...] il docente-individuo, autonomo ed autodeterminato, non può svolgere un lavoro complesso;  la docenza non è più di un individuo, ma di un gruppo di lavoro capace di operare in modo coeso senza annullare la differenza nelle competenze e nei ruoli. Occorre dire in modo esplicito che la cooperazione è al centro del lavoro docente: il lavoro educativo è solo opera di “un villaggio intero” [...]

La scuola, prima di essere una istituzione, prima di essere un’articolazione dello Stato, è una comunità alla cui base ci dovrebbe essere, come in ogni comunità umana, la solidarietà umana, il rispetto reciproco, la cooperazione per fini condivisi.

Occorre favorire l’impegno dei docenti nella cooperazione didattica, educativa ed organizzativa e da qui rilevare i bisogni formativi e di crescita professionale per attuare un investimento verso la formazione e la crescita di responsabilità di ciascun membro dell’organizzazione complessa e quando è necessario investire in modo più specifico ed intenso su persone che devono assumere ruoli di responsabilità [...]”

Paola Giani

Presidente Associazione Il Nostro Pianeta

Newsletter Maestri di Strada - n. 1

logo_maestridistrada1

E’ disponibile la prima newsletter dell’Associazione Maestri di Strada, un gruppo di educatori e professionisti impegnati contro la dispersione scolastica.

Visualizza la newsletter.

GEW 2014: Activity report

The Global Education Week 2014 in Italy was focused on the theme of “Food Security“, summed up in the motto “Sicurezza Alimentare”.

Various  activities has been carried out all around Italy:

  • An information campaign has been carried out in the months preceding Global Education Week, in order to involve participation of schools, associations, youth organizations, local communities and civil society in organizing their own activities on food security theme.
  • At the beginnig of November the association Il Nostro Pianeta launched a national photo contest on Facebook entitled “Food click. Food security and food right”  - Photo contest winner announcement
  • The School “Istituto Comprensivo Socrate Mallardo in Naples supported Global Education Week 2014 organizing an educational path entitle “Hunger is not a choice” which offered to students and their families a series of intercultural activities, workshops, a movie festival, meetings, exhibition and an open conference on food security.
  • The Training Centre for International Cooperation in Trento participated to the GEW 2014 organizing four different activities: a seminar on agriculture and biodiversity in the third millenium; a round table on African situation with particular attention to the coltan extraction in Congo; a training path on China economical, cultural and political situation; training course on advocacy strategies and tools for global development.
  • The organisation Maestri di Strada” of Naple supported the Global Education Week with the project entitled “TERRA TERRA” which offered to primary and secondary school students the possibilities of learning theoretical and practical elements of agriculture and food production and cooking.
  • Il Nostro Pianeta, few weeks before the GEW 2014, send a reporter to the “Salone del Gusto” - a Food Fair taking place in Turin every two years involving various subjects on food and nutrition questions.
  • The Centre of Excellence and Cross-disciplinary Studies supported GEW 2014 organizing two events: a University debate in Rome entitled “Food security: an interdisciplinary overview” with the participation, among the others, of a representative from Slow Food – and one in Turin entitled “Food right: food as a common good”.
  • On the occasion of Global Education Week 2014, Professor Egidio Dansero of Turin University dedicated a University lesson to the theme of food security, at the end of which we shot an interview.
  • The association MEIC – Gruppo di Torino participated to the Global Education Week 2014 with an event related to the project “Turin my city: literacy and active citizenship path for north african women”.
  • The International and European Forum of Researches on Immigration FIERI – an historic partner of the Italian network of GEW – on the occasion of GEW 2014 dedicated an interview on food and young immigrants.
  • Il Nostro Pianeta collected and uploaded on the association website a selection of downloadable materials on food and food security.
  • Il Nostro Pianeta improved its participation on social network, in particular on Facebook, where the Global Education Week – Italia page increased likes from 70 to more than 300 in few weeks.
  • On the association website a selection of law’s articles related to food security has been published one per day: food right, food right and human dignity, food right and cultural diversity, food right and children rights, food right and human rights

Ai confini dell’educazione

confini-educazione

Segnaliamo il convegno “Ai confini dell’educazione” che si svolgerà dal 14 al 16 gennaio 2015 a Genova presso la Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale. Un seminario di studi per educatori, amministratori, cittadini che sognano città rinnovate dalla buona crescita dei giovani

Dalle periferie del mondo, delle città, dell’animo lo stimolo a rifondare le città attraverso un nuovo contratto sociale che abbia al centro la conoscenza di sé e legami solidali.

L’Associazione Maestri di Strada Onlus incoraggia la cittadinanza dei giovani e la partecipazione delle comunità di vita all’impresa educativa. Promuove inoltre numerosi interventi per prevenire e combattere la violenza verso e tra i giovani.

Il Museo Luzzati di Genova, sulla scia dell’impegno di Emanuele Luzzati in campo educativo, sostiene con l’Officina Didattica la crescita culturale dei giovani, promuovendo corsi di formazione per educatori e docenti dedicati alla gestione di situazioni difficili.

Dalla convergenza di queste esperienze nasce una nuova proposta: riunire in Italia alcune delle realtà nazionali e internazionali che in questi anni si sono cimentate con il problema educativo in contesti difficili, mettendo in luce le metodologie sperimentate attraverso la parola, la scrittura, il teatro, l’arte.

Continua a leggere

GEW 2014 - Iniziativa dei Maestri di Strada

logo-gew-banner-2014

L’Associazione Maestri di Strada aderisce alla Global Education Week 2014 con l’iniziativa TERRA TERRA, un progetto di cui la coordinatrice Barbara Di Domenico ci racconta le tappe fondamentali…

Continua a leggere