Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti dalla

comp_sanpaolo

Fondazione CRT


e godono del patrocinio del

citta-torino


uff-scolastico


Stranieri e gite scolastiche

logo-manuale-banner-web1

Alunni stranieri e gite scolastiche

nell’Unione Europea


La Circolare Ministeriale 380/1995 sulle gite scolastiche recepisce la decisione del Consiglio dell’UE del 30/11/1994 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. L 327 del 19/12/1994 PAG. 0001 – 0003.
In essa viene stabilito che gli studenti di uno Stato membro dell’ Unione possono entrare in un altro Stato membro, senza necessità di visto di entrata se partecipano a viaggi d’istruzione come componenti di un gruppo di allievi e sono accompagnati da un insegnante dell’istituto medesimo che presenti un elenco degli alunni.
Ne consegue che gli studenti di paesi extracomunitari che frequentano scuole italiane possono partecipare a viaggi d’istruzione in paesi comunitari senza che per loro sia richiesto il visto d’ ingresso e senza, quindi, che da parte delle Scuola sia avviata la procedura per la richiesta del visto.
Per gli studenti stranieri che partecipano a gite scolastiche all’interno dell’ Unione Europea, organizzate dalla scuola a cui sono iscritti, la Questura su richiesta della direzione dell’istituto di istruzione, rilascia, l’allegato debitamente vidimato.
Sarà cura dell’ istituzione scolastica, dunque, far vidimare alla Questura l’elenco degli studenti, corredato di fotografia recente, esibendo la documentazione anagrafica già in possesso delle segreterie.
L’elenco può essere anche privo di foto, ma in questo caso gli studenti devono viaggiare con un documento di identità valido per l’espatrio (nel caso di cittadini extracomunitari: il passaporto).


GLI ALUNNI STRANIERI IRREGOLARI, PUR ISCRITTI A SCUOLA, NON POSSONO PARTECIPARE AD ALCUN VIAGGIO ALL’ESTERO


NORMATIVA DI RIFERIMENTO
- Decisione 30 novembre 1994 (Consiglio Unione Europea)- in materia di agevolazioni per i viaggi compiuti da scolari di Paesi terzi residenti in uno Stato membro

- Circolare Ministeriale 28 dicembre 1995, n. 380 - Gite scolastiche

- Circ. n. 103 del 1 marzo 2004 - CSA Torino


CONTENUTI
- Gli alunni extracomunitari che frequentano scuole italiane e che risiedono regolarmente nello Stato, possono partecipare a viaggi d’istruzione in Paesi Comunitari senza necessità di visto di ingresso

- Per entrare in uno Stato membro dell’Unione Europea con allievi stranieri regolari, il docente accompagnatore dovrà presentare alla frontiera un elenco degli alunni, redatto su un modulo vidimato dall’Ufficio Stranieri della Questura di Torino

- Il modulo identifica gli accompagnatori, gli alunni accompagnati, documenta lo scopo del viaggio e deve contenere la fotografia recente di ogni alunno figurante nell’elenco che sia sprovvisto di carta di identità con fotografia.


DOVE E QUANDO
•    Questura di Torino– Ufficio immigrazione: via Verona 4, Torino.
•    Per le GITE SCOLASTICHE l’ufficio è aperto il martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 17.30.

Share and Enjoy:
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
  • MySpace
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Turn this article into a PDF!
  • Wikio IT
  • Technorati