Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti dalla

comp_sanpaolo

Fondazione CRT


e godono del patrocinio del

citta-torino


uff-scolastico


Aspettative della famiglia

logo-manuale-banner-web1

Le aspettative della famiglia e del/la ragazzo/a nella scelta dell’istituto


Quando una famiglia immigrata decide di iscrivere i propri figli a scuola, desidera – esattamente come una famiglia italiana – che i propri figli vengano accolti e valorizzati nelle loro capacità, e che sia data loro un’istruzione che ne garantisca l’inserimento nella società da un punto di vista lavorativo e sociale. Tuttavia, molteplici fattori rendono le aspettative estremamente diversificate: l’area geografica di provenienza, il livello culturale dei genitori, il loro vissuto scolastico, le ideologie politiche, sociali e religiose, le condizioni economiche, il “progetto migratorio”.

Non si deve trascurare il fatto che purtroppo, in alcuni casi, l’iscrizione a scuola non ha alcuna finalità educativa o culturale, bensì è dettata dalla necessità di assicurare ai propri figli un soggiorno “legale” nel paese.
Ricordiamo inoltre che a volte i genitori si rivolgono alla scuola per chiedere l’iscrizione quando ancora la figlia/o non è ricongiunto e della sua carriera scolastica essi sanno poco o nulla. Altre volte arrivano alla scuola pochi giorni dopo l’arrivo del figlio e anche in questo caso diventa difficile capire come inserirlo.
Noi abbiamo sperimentato in questi anni l’importanza di unire alla fase di riflessione con la/il ragazza/o rispetto alla continuazione in Italia del suo percorso formativo anche una riflessione con i genitori per chiarire le loro aspettative, farsi un’idea della sostenibilità economica del percorso di istruzione e anche per sollecitare un loro coinvolgimento attivo.

Dal punto di vista dei ragazzi, l’inserimento scolastico si traduce spesso in una serie di aspettative negative: la difficoltà ad affrontare un cambiamento così radicale suscita da una parte il timore di “perdersi” e dall’altra la diffidenza verso nuovi modelli linguistici e culturali, poco conosciuti e ardui da accettare. Anche quando le aspettative sono “positive” – quando cioè i ragazzi vedono nel nuovo paese la possibilità di migliorare la loro condizione o quella della loro famiglia – la volontà di essere accettati e il desiderio di integrarsi rapidamente possono generare ansia e determinare una situazione di crisi.

I ragazzi neo-arrivati affrontano la “nuova scuola” in Italia con timore o con diffidenza. Temono di non essere capiti, dal punto di vista linguistico o in quanto portatori di una cultura diversa, ritengono che le conoscenze e le competenze pregresse non saranno considerate utili, e paventano di essere visti come “diversi”.

I giovani immigrati tendono a diffidare della scuola e della società in cui sono stati inseriti, perchè le vedono come scelta esclusiva della famiglia. Pensano che la loro lingua e la loro cultura non avranno più valore e che, per essere accettati, si chiederà loro di cambiare comportamenti e abitudini. In alcuni casi limite, una scarsa conoscenza della realtà del paese di arrivo può condurli a sopravvalutare la scuola e la cultura da cui provengono, che – a loro avviso – potranno essere cancellate dalla lingua e dalla cultura italiane. La loro preoccupazione è che l’inadeguatezza linguistica li collochi a un livello più basso nella nuova gerarchia scolastica, rischiando non solo di prolungare gli anni di studio, ma di trovarsi con compagni di età inferiore con i quali non è facile instaurare rapporti alla pari, dato il divario di maturità e di aspettative.
L’ansia di essere accettati procura delusione: è difficile rassegnarsi ai tempi necessari per apprendere la nuova lingua in modo soddisfacente, affrontare contenuti e metodi diversi o del tutto sconosciuti, accettare risultati inferiori rispetto a quelli conseguiti nel proprio paese, sentirsi inadeguati di fronte a compagni più giovani o, perché no, meno preparati.

In genere è presente una combinazione di tutti questi sentimenti; l’atteggiamento che ne può derivare oscilla fra due poli opposti: il rifiuto e la chiusura totale, oppure un iperattivismo che non porta necessariamente al successo.

Per uscire da questa impasse occorrono tempo (che varia a seconda delle variabili in gioco) e interventi mirati; soprattutto è necessario che l’istituzione scolastica – attraverso gli insegnanti – dia al/la ragazzo/a il tempo di imparare la lingua e che valorizzi il percorso scolastico pregresso, aiutando e guidando l’alunna/o straniero a integrare vecchie e nuove conoscenze/competenze in modo graduale e coerente.
Una situazione particolare è quella delle famiglie con figli con problemi di salute o con disabilità, per le quali le aspettative diventano molto più alte: nel primo caso sperano di migliorare le condizioni di salute attraverso interventi del servizio sanitario; nel secondo confidano di trovare in Italia quell’attenzione e quel sostegno limitati o inesistenti nel paese d’origine, dove handicap può essere sinonimo di emarginazione. L’inserimento dei disabili nella scuola italiana offre infatti possibilità di integrazione sociale difficilmente riscontrabili in altre parti del mondo.

Share and Enjoy:
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
  • MySpace
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Turn this article into a PDF!
  • Wikio IT
  • Technorati