Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti dalla

comp_sanpaolo

Fondazione CRT


e godono del patrocinio del

citta-torino


uff-scolastico


Aspettative America Latina

logo-manuale-banner-web1

Aspettative delle famiglie e dei ragazzi

provenienti dall’America Latina


Le seguenti osservazioni non pretendono di essere esaustive ma intendono descrivere alcune tendenze per sottolineare come le aspettative delle famiglie e dei ragazzi possano cambiare a seconda dell’area geografica di provenienza.

L’America Latina, pur essendo molto differenziata nei diversi paesi che la compongono, presenta alcune caratteristiche culturali/linguistiche/storiche comuni che la rendono un’area con molte omogeneità nel settore scuola.
La scolarizzazione in America Latina, dura in genere 11-12 anni al massimo, ed è spesso indifferenziata a livello di scuola superiore; l’accesso al livello universitario è preceduto da 1 o più anni propedeutici. È forte la presenza della scuola privata, religiosa o non, in genere non molto costosa, e che spesso presenta un’offerta formativa più ricca di quella pubblica. In molti casi, essa tende a formare la futura classe dirigente oppure a sanare le situazioni a rischio.
Parlando con le famiglie si percepisce come in questi paesi, vengano messi in evidenza gli obiettivi educativi (comportamento, morale, …) rispetto a quelli disciplinari. La metodologia si basa su lezioni frontali a classi spesso molto numerose, con l’utilizzo di schede più che di manuali e i programmi hanno obiettivi per conoscenze che si discostano da quelli italiani.
Una volta in Italia, i genitori spesso scelgono la “scuola superiore sotto casa” perchè non sono a conoscenza della varietà di offerta della scuola superiore italiana. È quindi necessario spiegare con chiarezza le caratteristiche dei vari tipi di scuola superiore e i prerequisiti necessari.
La famiglia si aspetta che la scuola dia rilievo agli aspetti comportamentali, e spesso è per loro più importante la “buona condotta” e il comportamento che il profitto vero e proprio.
Anche l’estrazione sociale e il grado di istruzione del/i genitore/i influisce grandemente nel momento dell’orientamento e della scelta della scuola in modo simile a quanto succede con gli allievi italiani. La famiglia più colta è disposta a dare il tempo necessario per verificare l’esattezza della scelta, cerca di capire le differenze fra i due sistemi pedagogici, cerca informazioni nei posti giusti, non si fida del passaparola riguardo a questioni burocratiche e legali e si orienta meglio nel cercare le informazioni corrette.
Occorre ricordare che sono molto diffuse istituzioni religiose di origine italiana (ad esempio le opere salesiane, che si occupano soprattutto di educazione, sono molto frequenti in tutta l’America Latina ) il che a volte rende meno traumatico il passaggio in Italia; esse inoltre spesso diffondono la conoscenza dell’italiano, prima dell’arrivo in Italia.

I ragazzi si inseriscono in genere con facilità: vedono nella scuola una buona occasione anche per creare rapporti di amicizia e di solito l’ inserimento è facilitato se trovano nella classe compagni provenienti dallo stesso paese. Nel giro di poche settimane sono in grado di comunicare e comprendere il liguaggio quotidiano italiano, ma la difficoltà maggiore è l’apprendimento dell’italiano per studiare, un italiano formalizzato che distingue in modo netto il registro colloquiale da quello scritto.
Il ragazzo a volte diserta i corsi di italiano L2 “perchè ormai capisce” e non ne sente il bisogno; non sempre si rende conto che occorrono tempo e studio per acquisire quel livello di italiano richiesto dalla scuola: quindi la facilità di comprensione fra le due lingue e la loro somiglianza diventano un ostacolo all’apprendimento di un italiano che vada al di là di una “lingua franca” italo spagnola.

Share and Enjoy:
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
  • MySpace
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Turn this article into a PDF!
  • Wikio IT
  • Technorati