Oltre le migrazioni

Oltre le migrazioni

Global Education Week

Bella Presenza

Archivio

Gew

restorlogo

Dites non à la discrimination

Alcuni nostri progetti sono sostenuti da

comp_sanpaolo

Ordine Internazionale degli Anysetiers

Fondazione CRT


e godono del patrocinio di

Consiglio Regionale del Piemonte

citta-torino


uff-scolastico


Al via un nuovo anno scolastico

Articolo di Paola Giani

Per molti istituti superiori l’anno si apre con esami di riparazione, idoneità, validazione di anni all’estero.

Poi inizierà la programmazione, l’accoglienza dei nuovi iscritti, tanti incontri per organizzare di poter lavorare insieme in modo proficuo per il successo formativo degli studenti.

Uno dei punti chiave del miglioramento della nostra scuola sta nella sua possibilità di stringere un patto con il mondo che cambia e guardare al futuro per costruirlo come parte attiva e imprescindibile.

Il Nostro Pianeta si è sempre occupato di formazione docenti (il manuale on line sul nostro sito testimonia un lavoro di formazione per l’inserimento degli allievi non madrelingua italiana che ormai data di qualche anno!). Ora stiamo riflettendo - nel quadro di una scuola che sta cambiando - come si possa evitare la parcellizzazione della formazione e, quindi, delle competenze degli insegnanti. Non riteniamo infatti che basti avere figure standardizzate di riferimento per tematiche specifiche, ma che si debba fare il punto scuola per scuola, o reti di scuole per reti di scuole sui bisogni educativi e che su questo scuola ed extrascuola possano collaborare.

Offriamo alcuni passaggi che condividiamo di una riflessione di Cesare Moreno, presidente dei Maestri di strada, che è comparsa integralmente sulla rivista on line di Giunti scuola.

“Una “buona scuola” dovrebbe favorire l’impegno dei docenti nella cooperazione e da qui rilevare i bisogni formativi e di crescita professionale.

Per crescere un uomo ci vuole un’intera società

La buona scuola è quella che mette al centro la crescita dei giovani che la frequentano e che ha cura, attenta ed amorevole, degli adulti che si impegnano nella missione educativa.

Se non si riparte dalla missione della scuola niente funziona. La missione della scuola non è trasmettere conoscenze già codificate o metodi di pensiero: è la crescita personale che significa presa di possesso di tutte le facoltà umane. Le discipline ed i metodi di pensiero sono strumenti importanti ma non esclusivi per la crescita personale. È ormai evidente che nella scuola per molti motivi i giovani cercano anche una occasione per lo sviluppo di relazioni umane, sociali, cooperative che non si sviluppano più altrove. Si apprendono volentieri solo le cose significative per sé e, solo dopo aver raggiunto il proprio sviluppo personale, conoscenze e competenze possono essere spese nella società. La scuola è innanzi tutto per sé.

Per crescere un bambino ci vuole un villaggio intero, per crescere un uomo ci vuole un’intera società. Per far crescere le persone ciascun insegnante oltre alla conoscenza dei contenuti e dei metodi deve avere competenza nella gestione delle relazioni individuali e di gruppo in relazione ai giovani, in relazione ai colleghi, in relazione ai genitori, in relazione alla complessa macchina organizzativa della scuola…….

… il docente-individuo, autonomo ed autodeterminato, non può svolgere un lavoro complesso;  la docenza non è più di un individuo, ma di un gruppo di lavoro capace di operare in modo coeso senza annullare la differenza nelle competenze e nei ruoli. Occorre dire in modo esplicito che la cooperazione è al centro del lavoro docente: il lavoro educativo è solo opera di “un villaggio intero”….

la scuola, prima di essere una istituzione, prima di essere un’articolazione dello Stato, è una comunità alla cui base ci dovrebbe essere, come in ogni comunità umana, la solidarietà umana, il rispetto reciproco, la cooperazione per fini condivisi.

Occorre favorire l’impegno dei docenti nella cooperazione didattica, educativa ed organizzativa e da qui rilevare i bisogni formativi e di crescita professionale per attuare un investimento verso la formazione e la crescita di responsabilità di ciascun membro dell’organizzazione complessa e quando è necessario investire in modo più specifico ed intenso su persone che devono assumere ruoli di responsabilità…”

Share and Enjoy:
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
  • MySpace
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Turn this article into a PDF!
  • Wikio IT
  • Technorati

I commenti sono chiusi.